Scala della poesia

Le parole sono pietre.

È quanto mai vera la forza espressiva di questa citazione che è titolo e racconto per questo luogo fatto di sospiri. L'adagio e l'invito a leggere la storia scolpita nelle pietre di Muro Lucano qui si fa palese. La Scalinata è un insieme di passi nella parte più bella della Poesia.

Le parole affiorano tra le pietre della scalinata di Via Seminario. La dolce scala è stata destinazione e ispirazione per il progetto culturale “Le parole sono pietre” titolo evocativo per ogni lucano perché legato al racconto di viaggio di Carlo Levi. Le parole oggi intagliate nelle pietre dei gradini della Scalinata hanno coinvolto diversi artisti nazionali e internazionali che hanno interpretato le parole di poeti che all'amore, alla vita, al tempo e al modo in cui l'anima trema davanti all'infinito, hanno dato forma.

Percorrere la Scalinata significa regalare alla propria bocca le parole che Omero, Neruda, Tagore, Saffo, Rilke, Lucrezio, Dante e diversi altri poeti hanno saputo rubare all'infinita complessità dei sentimenti. E li hanno resi lingua condivisa, dando forma a ciò che forma non ha. La poesia strappata alle pagine dei libri è qui affidata a quanti, ogni giorno, nel percorso di risalita e discesa, cattureranno una parole o forse tutte. Una dedica che sulla pelle di Muro Lucano, dea che riposa sotto il cielo, sono oggi un indelebile e magico tatuaggio evocativo e potente.


Museo Archeologico Nazionale




Tutte le strade, qui, sono una dedica d'amore a Muro Lucano.